Skip to main content

Se consideriamo una funzione ad una variabile reale y=f(x) il  rapporto incrementale in un suo punto è il rapporto tra la variazione della funzione rispetto ad un generico incremento h a partire dal punto considerato.

DEFINIZIONE DI RAPPORTO INCREMENTALE

Data una generica funzione:

Se consideriamo un suo generico punto x0 appartenente al dominio della funzione

E dato un generico incremento h reale:

Definiamo rapporto incrementale la seguente quantità:

rapporto incrementale: formula

 dove:

Tale quantità esprime il rapporto tra la variazione della funzione ad opera di un generico incremento h rispetto al punto xe l’incremento h.

INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DEL RAPPORTO INCREMENTALE

Consideriamo una generica funzione ad una variabile reale.

Cominciamo con il prendere in considerazione un punto x0 del suo dominio.

E calcoliamo il valore della funzione in tale punto che chiamiamo f(x0)

rapporto incrementale: individuiamo il punto x0

Creiamo ora un generico incremento h rispetto al punto x0 considerato.

In questo modo andiamo a finire nel punto x0+h.

Calcoliamo poi il valore che la funzione assume nel punto x0+h.

Chiamiamo questo valore f(x0+h).

Arrivati a questo punto identifichiamo le due variazioni, quella orizzontale (asse x) e quella verticale della funzione (asse y)

La variazione sull’asse delle x, che possiamo anche chiamare ∆x è pari ad h.

Essa può essere anche calcolata come la differenza tra il punto finale (x0+h) e il punto iniziale x0.

Mentre la variazione subita dalla funzione che possiamo chiamare ∆y o ∆f è pari alla differenza tra il valore finale della funzione f(x0+h) e il valore iniziale f(x0).

rapporto incrementale: determiniamo gli incrementi

Ora non ci resta che calcolare il rapporto incrementale dato dal rapporto tra la variazione della funzione (asse y) rispetto alla variazione delle x.

rapporto incrementale: rappresentazione grafica

RAPPORTO INCREMENTALE COME LA PUNDENZA DELLA RETTA SECANTE

L’interpretazione geometrica certamente più significativa vede il rapporto incrementale come la pendenza (coefficiente angolare) della retta secante alla funzione.

Ricordiamo infatti che il coefficiente angolare di una retta:

dati due generici punti  è dato dal rapporto (dati due punti qualsiasi ad essa appartenenti) tra la variazione delle y e la variazione delle x dei punti.

Se nella nostra generica funzione consideriamo il due punti della funzione A e B con le coordinate:

Se tracciamo la retta passante per questi due punti distinti della funzione allora possiamo dire che la pendenza di questa retta è pari a:

rapporto incrementale è la pendenza della retta tangente
rapporto incrementale e pendenza della retta tangente: grafico

STAI PREPARANDO L’ESAME DI MATEMATICA?

Per una preparazione completa all’esame di matematica scopri tutti i corsi.

Per info scrivi un commento sotto l’articolo

IL RAPPORTO INCREMENTALE DIPENDE DAL PARAMETRO h

Come abbiamo visto la formula per calcolare il rapporto incrementale della funzione f(x) calcolato in un punto xdipende dal parametro h:

rapporto incrementale ancora formula

Questo significa che al variare del parametro h varia anche il coefficiente angolare della retta secante.

Ovvero per diversi valori del parametro h  possiamo avere diversi valori del rapporto tra gli incrementi.

In generale considerando 2 valori di h distinti:

il rapporto incrementale dipende dal parametro h

ESEMPI DI CALCOLO DEL  RAPPORTO INCREMENTALE

Andiamo ora a calcolare il rapporto incrementale su tre tipi di funzione diversi.

ESEMPIO 1 – FUNZIONE POLINOMIALE

Calcoliamo il r.i. della funzione:

rapporto incrementale: calcola il rapporto incrementale

Per prima cosa andiamo a trovare il valore che la funzione assume nel punto di ascissa 1:

Ora muoviamoci di h unità rispetto all’scissa 1 e calcoliamo il valore della funzione nel punto di ascissa 1+h.

Ora non ci resta che calcolare il rapporto incrementale della funzione in x=1 come segue:

rapporto incrementale nel punto 1

Possiamo ora raccogliere h e semplificare:

rapporto incrementale: semplificazione

ESEMPIO 2 – R.I. DI UNA FUNZIONE ESPONENZIALE

Prendiamo ora come riferimento una funzione esponenziale.

Calcoliamo il r.i. della funzione:

Per prima cosa andiamo a calcolare il valore della funzione nel punto x=0.

Successivamente troviamo il valore che la funzione assume in 0+h

Ora calcoliamo il r.i. in zero come segue:

rapporto incrementale in una funzione esponenziale

Raccogliendo a fattor comune il 2 otteniamo:

ESEMPIO 3 – VIDEO SUL R.I. SU FUNZIONE LOGARITMICA

In questo video andiamo a calcolare il rapporto incrementale di una funzione logaritmica

ESERCIZIO 4 – FUNZIONE LOGARITMICA

Concludiamo la saga degli esempi con una funzione logaritmica.

Calcoliamo il rapporto incrementale della funzione:

Per prima cosa andiamo come al solito a calcolarci f(2):

Successivamente creiamo l’incremento h e calcoliamo f(2+h):

Infine troviamo il r.i. della funzione nel punto di ascissa 2:

rapporto incrementale in una funzione logaritmica

Per le proprietà dei logaritmi:

Dunque il r.i. può essere anche scritto come:

MODO ALTERNATIVO DI LEGGERE IL RAPPORTO INCREMENTALE

Abbiamo concepito la definizione del rapporto incrementale nel seguente modo:

rapporto incrementale: definizione generale

Dove in particolare:

Se chiamiamo diversamente il punto iniziale e il punto finale possiamo ricavare una equivalente formula di rapporto incrementale con una forma diversa da quella vista.

Ad esempio, chiamando x1 e x2 rispettivamente il punto iniziale e il punto finale:

Ovviamente i valori assunti dalla funzione in tali punti sono:

A questo punto possiamo esprimere il r.i. sempre come variazione della funzione rispetto alla variazione delle x.

rapporto incrementale: definizione alternativa con x1 e x2

Graficamente abbiamo quanto segue:

Chiaramente possiamo chiamare anche a, b i valori iniziali e finali dell’ascissa.

Quindi il r.i. sarebbe scritto nella forma:

Oppure se preferiamo usare le lettere m e n:

HAI QUALCHE DOMANDA?

Se hai qualche domanda sull’argomento trattato e sui suoi utilizzi scrivi un commento sotto nell’articolo.

Per preparare l’esame di matematica scopri tutti i corsi.

Leave a Reply